DONUTS SPEZIATI CON GLASSA ALLO SCIROPPO D’ACERO

donuts speziati 4

Oggi vi propongo dei morbidi e profumati dolcetti i donuts speziati con glassa allo sciroppo d’acero, davvero una bella scoperta anche per me, sicuramente versatili e molto personalizzabili nella glassatura e nella decorazione.

I donuts, nella versione originale americana (per capirci meglio quelle per cui impazzisce Homer Simpson… ) sarebbero delle deliziose ciambelline fatte in pasta lievitata, fritte e poi glassate, ma in questo caso la mia proposta è per prepararle al forno. Anche per questo mio ennesimo esperimento devo ringraziare lo staff di Re-cake che li ha scelti come sfida per il mese di marzo. Devo dire che mi hanno proprio soddisfatta, sono morbidissimi e davvero profumati grazie al mix di spezie che c’è tra gli ingredienti e poi la glassa allo sciroppo d’acero….. mmmmmm…. da mangiare a cucchiaiate! 🙂

donuts speziati 2

Insomma, vi consiglio di procurarvi uno stampo adatto, lo sciroppo d’acero e di provare a fare questi deliziosi dolcetti,  sono sicura che vi piaceranno molto come del resto sono piaciuti a me 😉

donuts speziati 3

DONUTS SPEZIATI CON GLASSA ALLO SCIROPPO D’ACERO

Ingredienti: 

per la glassa 

  • 30 gr di burro
  • 120 ml di sciroppo d’acero
  • 112 gr di zucchero a velo

per i donuts speziati: 

  • 125 g di Farina 00
  • 1 cucchiaino di Lievito per dolci
  • 1/4 di cucchiaino di Bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaino di Cannella
  • 1/2 cucchiaino Noce moscata
  • 1/4 cucchiaino Chiodi di garofano macinati
  • 1/4 cucchiaino di Sale
  • 1 Uovo grande
  • 65g di Zucchero di canna
  • 60 ml di Latte
  • 60 g Yogurt
  • 30g di Burro fuso
  • 1 e 1/2 cucchiaini di Estratto di vaniglia

Per prima cosa preparate la glassa.
In una piccola casseruola a fuoco basso, sciogliere il burro e lo sciroppo d’acero insieme, mescolando di tanto in tanto; una volta che il burro si è sciolto, togliere dal fuoco e sbattere con lo zucchero a velo setacciato. Mettere da parte la glassa e lasciare raffreddare e addensare.

Ora veniamo ai donuts
Mescolare la farina, il lievito, il bicarbonato di sodio, la cannella, la noce moscata, i chiodi di garofano macinati e il sale in una ciotola.

In un’altra ciotola sbattere l’uovo, lo zucchero di canna, il latte e lo yogurt fino ad ottenere un composto liscio. Aggiungere il burro fuso e la vaniglia, mescolando fino a quando non saranno ben amalgamati.

Versare gli ingredienti umidi negli ingredienti secchi e mescolare per ottenere una pastella molto spessa.

Versare la pastella in uno stampo per donuts, (aiutandosi con una sac a poche) riempendo le cavità per 3/4, in modo da lasciar spazio alla crescita che i donuts avranno in cottura.

Cuocere a 175°C per 9-10 minuti o fino a quando i bordi sono leggermente dorati.

Lasciare raffreddare per circa due minuti e trasferirli su una griglia rivestita di carta forno.

Per glassare i donuts, tenere la ciambella e immergerla per metà nella glassa, immergere ogni ciambella due volte. Posizionare le ciambelle su una griglia per far sgocciolare la glassa. Se vorrete aggiungere degli zuccherini colorati dovrete farlo in questa fase, prima che la glassa si asciughi del tutto.

I Donuts danno il meglio di se se serviti immediatamente, ma conservare li potete in un contenitore chiuso, a temperatura ambiente per un paio di giorni.

Con questa ricetta partecipo alla RE-CAKE del mese di marzo 2016

recake12 (1)

PAN DI SPEZIE o pan d’epice

pan di spezie pan d'epice 3Il pan di spezie o pan d’epice è un dolce speziato caratteristico del periodo di Natale ed è di origine alsaziana; morbido, profumato di miele e di spezie è uno di quei dolci che mentre cuociono in forno inebriano tutta la casa e fanno subito natale…

pan d'epice 2 E’  la sera di Natale, quella in cui per tradizione si addobba l’albero e si accendono le candeline per illuminarlo, ma questa sera non c’è nessun albero da addobbare.

La bimba dagli occhi scuri e dai lunghi capelli neri raccolti in grosse trecce, guarda fuori dalla finestra  il sole che sta tramontando, tra un po’ il suo papà tornerà a casa e con la mamma e i suoi due fratelli si siederanno tutti assieme a tavola per cenare e poi aspetteranno che arrivi la l’ora giusta per andare ad assistere alla veglia della messa di mezzanotte in parrocchia. La mamma ha preparato tutto, una cena gustosa seppur modesta, con tanto di dolce fatto di pane raffermo, mele e uvetta. è tutto come gli altri anni, se non fosse per il fatto che manca l’albero da addobbare.

Abitano in un paese di provincia, un paese che si sta lentamente rialzando in piedi dopo essere stato messo in ginocchio da una guerra durata 6 lunghissimi anni, un paese che da la possibilità agli uomini di lavorare e alle coppie di avere una famiglia e di allevare i propri figli con la speranza di un futuro migliore; infatti il papà lavora in una fabbrica, la bimba, sua sorella ed il fratello vanno a scuola e la mamma si dedica alla casa e alla famiglia a tempo pieno.

Lei è la sorella più grande, seguono il maschietto e poi l’altra sorella ma sono tutti e tre divisi da pochi anni uno dall’altro e per questo condividono molto. Anni difficili in cui nascere e crescere quelli, anni di guerra prima e di dopo guerra poi, anni in cui è difficile fare una vita normale, difficile anche trovare le materie prime per mettere insieme pranzo e cena per cinque persone, ma per fortuna il papà ora lavora in fabbrica e questo garantisce loro un minimo di sussistenza mensile su cui contare. Adesso si, il babbo lavora, ma qualche anno fa no; gli avevano proposto di indossare una camicia nera, una semplice camicia come tutte le altre se non fosse per il colore, ma lui ha rifiutato e per questo ha perso il lavoro,ma per fortuna adesso le cose si sono sistemate e così eccoci qui a festeggiare un’ altro Natale tutti assieme, sereno e felice se non fosse per quell’albero che manca.

Dopo aver aiutato la mamma ad apparecchiare la tavola la bimba dagli occhi scuri guarda ancora una volta fuori dalla finestra, ormai è buio ed è quasi l’ora di cena; ad un tratto si sente il portone d’ingresso chiudersi, dei passi decisi su per gli scalini che si fermano davanti alla porta di casa; finalmente è arrivato a casa il papà, la bimba gli corre incontro; ma cosa tiene in mano? non si capisce bene, sembrano rami… ma sì, sono rami di pino! il papà tornando a casa è passato da una famiglia di amici che hanno un grande giardino ed ha portato a casa delle grosse fronde di abete, ora le mette in sesto tutte insieme, le lega con dello spago e le accomoda in modo da farle sembrare un piccolo alberello che infine sistema in un vaso di terracotta.

Finalmente ora non manca nulla: ora c’è anche l’albero da addobbare.  dopo cena tutta la famiglia lo prepara appendendo ai rami frutta secca, fiocchi di lana, stelle di carta e scorze di agrumi essiccate; qualche piccola candelina di cera ed ecco il più bel albero di Natale che si sia mai visto.

La bimba dagli occhi scuri ora è completamente felice.

Buon natale piccola Dorina…

pan di spezie pan d'epice 1La ricetta per fare questo pan di spezie l’ho trovata da LEI ogni volta che vado a trovarla mi perdo tra le sue stupende foto e vengo rapita dai suoi bellissimi racconti e quando ho letto la ricetta di questo dolce ho deciso che dovevo proprio provarlo. Le mie varianti sono la maizena in sostituzione di una parte della farina (per rendere l’impasto più soffice e leggero) e poi la finitura, lei lo ha ricoperto di panna montata, io invece ho preferito il cioccolato fondente ma il risultato non cambia, un dolce morbidissimo e molto profumato che ti accoglie con il suo profumo di anice stellato e ti appaga con la sensazione dolce e vellutata del miele e con il carattere delle spezie.

PAN DI SPEZIE o pan d’epice

Ingredienti:

  • 200 gr di farina 00
  • 50 gr di amido di mais (per me Maizena)
  • 200 gr di miele (per me mielbio millefiori Rigoni di Asiago)
  • 50 gr di farina di mandorle
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 100 ml di latte
  • 50 gr di burro
  • 1 uovo
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • 3 cucchiaini di mix di spezie per pan d’epice
  • 3/4 cucchiai di marmellata di albicocche
  • 200 gr cioccolato fondente

preparate il mix di spezie per pan d’epice mescolando 1/2 cucchiano per ciascuna di queste spezie in polvere: cannella, anice stellato, chiodi di garofano, noce moscata, zenzero.

versare il mix di spezie in una capiente ciotola ed unire la farina, l’amido di mais, lo zucchero, il lievito, il bicarbonato, la farina di mandorle ed un pizzico di sale fino, miscelate e lasciate da parte.

ora mettete al fuoco il latte con burro e miele e portate quasi a bollore, lasciate raffreddare un pochino e poi versate nella ciotola dove avete messo il mix di ingredienti secchi, mescolate bene fate raffreddare un po’ e poi per ultimo aggiungete l’uovo leggermente sbattuto.

amalgamate bene e versate il composto in uno stampo per plumcake imburrato e spolverato di farina, passate in forno a 170° e lasciate cuocere per circa 40/50 minuti.

appena sfornate il dolce, toglietelo dallo stampo e spennellate la superficie con la marmellata di albicocche.

quando sarà raffreddato completamente ricopritelo con il cioccolato fondente che avrete sciolto in pentolino a fuoco lento con l’aggiunta di una noce di burro.

FAGOTTINI CON PERE E FORMAGGIO

fagottini pere e formaggio 1questi invitanti fagottini di pasta fillo hanno al loro interno un morbido cuore di pere e formaggio profumato di zenzero e reso un po’ monello da un pizzico di peperoncino.

questa la mia seconda proposta per il contest Swiss cheese parade nato dalla collaborazione tra il blog Peperoni e patate e i Formaggi dalla svizzera;  la mia prima proposta sono stati dei panini alle patate con un cuore di gruyere dei panini morbidissimi che nascondono al loro interno un cuore filante di gruyere svizzero, invece per questa seconda preparazione ho pensato a dei fagottini con pere e formaggio, un ripieno morbido e profumato ma di carattere.

belli da servire come antipasto ma volendo anche comodi da consumare come snack, infatti addentando questi croccanti fagottini in un paio di bocconi soddisferete la voglia di dolce e di salato in un colpo solo 😉

fagottini formaggio e pere 2 FAGOTTINI CON PERE E FORMAGGIO

Ingredienti:

1 pera williams gialla

200 gr di sbrinz svizzero

1 cucchiaino di zucchero di canna

1/2 cucchiaino di zenzero in polvere

1/2 peperoncino

2 fogli di pasta fillo

1 uovo

semi di papavero

private della buccia e del torsolo la pera e tagliatela a tocchetti, passatela in padella a fuoco vivace per un paio di minuti assieme allo zucchero, fate saltare per bene in modo che si asciughi e poi unite il peperoncino tritato e lo zenzero; spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

ora srotolate i fogli di pasta fillo, sovrapponeteli e tagliateli entrambi in quattro; al centro di ognuno mettete i pezzetti di pera, aggiungete lo sbrinz tagliato a cubetti e poi arrotolateli su se stessi, attorcigliate le estremità come se fossero delle caramelle e poi poggiate i fagottini sulla placca del forno coperta di cartaforno.

spennellate la superficie dei fagottini con il tuorlo dell’uovo, cospargete con i semi di papavero, passate in forno già caldo a 180° e lasciate cuocere per circa 10 minuti.

con questa ricetta partecipo al contest Sweet cheese parade organizzato dal blog  peperoni e patate in collaborazione con formaggi svizzeri

banner sweet cheese parade

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...