PANNA COTTA ALLA MENTA con Oreo

La panna cotta è uno dei più classici tra i dolci al cucchiaio, ma anche con questa preparazione di base della pasticceria si possono fare infinite variazioni di gusti e aromatizzazioni in modo da creare sempre abbinamenti e gusti diversi, infatti io oggi ho preparato questa cremosa e golosa panna cotta alla menta arricchita da un fondo di Oreo, i famosi biscotti al cioccolato.

Ed eccoci ad un nuovo appuntamento con lo scambioricette tra bloggalline; questo mese la sorte mi ha portata a conoscere un nuovo blog e precisamente il blog Latte e menta di Debora. Lei è una giovanissima ragazza con la passione per i viaggi e per la cucina, e giovanissino è anche il suo bel blog dove le ricette di cucina si intervallano a racconti di viaggi ricchi di belle foto.

Dopo aver curiosato tra i suoi articoli ho scelto di rifare la panna cotta alla menta, che però io ho reinterpretato aggiungendo una base di biscotti al cioccolato sul fondo così da dare due consistenze diverse al tutto. Che dire, è buonissima! Vellutata, fresca e golosa, da provare assolutamente 🙂

PANNA COTTA ALLA MENTA con Oreo

Ingredienti:

  • 16 biscotti Oreo
  • 75 gr di burro
  • 600 ml di panna fresca
  • 70 gr di zucchero
  • 50 gr di sciroppo alla menta
  • 6 gr di colla di pesce

Per prima cosa preparate la base di biscotti, tenetene da parte 6,  il resto riduceteli in polvere con il mixer e mescolateli al burro fuso, distribuite il composto in 6 bicchieri monodose e pressate per bene in modo da ottenere un fondo compatto e liscio e poi mettete in frigo a raffreddare.

Ora versate la panna e lo zucchero in un pentolino e riscaldate fino a che lo zucchero non si sarà sciolto completamente e il composto non sarà ben caldo (attenzione a non farlo bollire).

A questo punto unite lo sciroppo alla menta e poi la colla di pesce che avrete lasciata in ammollo in acqua fredda e strizzata, mescolate con cura in modo che si sciolga e non lasci grumi, riprendete i bicchieri che avevate messo in frigo e dividete il composto in parti uguali tra i bicchieri che avevate già preparato con il fondo di biscotto. Mettete a rapprendere in frigorifero per almeno 5 ore prima di servire.

COUS COUS AL PESTO DI RUCOLA E MENTA

Oggi la mia proposta è un profumato e colorato piatto di cous cous risultato di una abbinamento un po’ insolito con un pesto di rucola e menta. Ma andiamo con ordine…

Nuovo appuntamento con lo #scambioricette tra bloggalline e per questo mese di aprile il destino mi abbinata ad un nuovo blog che non conoscevo Saltando in padella il foodblog di Elena. Devo confessare che ho avuto il mio da fare a decidere quale delle sue ricette rifare ma alla fine ho deciso di preparare il suo cous cous al pesto di rucola e menta perchè mi intrigava un abbinamento che non avevo mai provato.

Beh devo dire che ne sono stata davvero entusiasta! Il cous cous così condito è davvero profumatissimo;  l’abbinamento con i peperoni grigliati poi è azzeccatissimo perchè aggiungono una nota croccante e carnosa e le quenelle di ricotta profumata aggiungono cremosità al tutto. Insomma grazie allo scambio di ricette e ad Elena anche questa volta ho scoperto una ricetta favolosa 🙂

COUS COUS AL PESTO DI RUCOLA E MENTA

Ingredienti:

  • un mazzetto di rucola fresca
  • un mazzetto di menta fresca
  • 2 – 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 2 cucchiai di pinoli (io ho fatto a metà con delle mandorle spellate)
  • 150 gr di cous cous precotto
  • 2 peperoni grigliati (1 rosso e 1 giallo)
  • 150 gr di ricotta vaccina
  • olio EVO – sale

Lavate e asciugate la rucola e la menta, unite i pinoli , il parmigiano passate al tritatutto e pian piano aggiungete l’olio EVO e un pizzico di sale fino; regolatevi con le dosi in modo da ottenere un composto cremoso.

Grigliate i peperoni che avrete mondato, pulito e tagliati a falde, conditeli con olio e sale fino e metteteli da parte.

Ora preparate il cous cous facendolo rinvenire in acqua bollente seguendo le istruzioni sulla confezione; di solito si mette la dose in parità di acqua bollente e cous cous precotto e poi si aggiunge un cucchiaio di olio EVO. Trascorso il tempo di riposo il cous cous dovrebbe essere rinvenuto gonfiandosi e diventando morbido; allora sgranatelo con una forchetta e conditelo con il pesto fresco.

Condite la ricotta che avrete precedentemente setacciato, aggiungendo un pizzico di sale fino, un filo di olio EVO, un cucchiaio di parmigiano grattugiato e qualche foglia di menta tritata grossolanamente.

E’ arrivato il momento di impiattare mettendo il cous cous sul piatto da portata e aggiungendo sopra i peperoni grigliati tagliati a listarelle e accostando al tutto delle quenelle di ricotta condita.

INSALATA DI SEPPIE …. e immagini di una vacanza alternativa

IMG_0829 Buone in umido, ai ferri o lessate le seppie sono molto versatili e si prestano a moltissime preparazioni; oggi la mia proposta per voi è l’insalata di seppie con seppie lessate, patate, pomodori secchi, pomodorini freschi, olive e aromi, un piatto estivo, fresco e invitante.

bellezze in bicicletta Ben ritrovati a tutti 🙂 E così eccoci di nuovo a settembre;  per molti, me compresa, con settembre si chiude la stagione delle vacanze estive lunghe, quelle che ti permettono di organizzare viaggi un po’ più avventurosi e di staccare la spina dal solito tran tran e quest’anno per me è stato in particolar modo una vacanza alternativa. Tanti di voi che mi seguono in facebook già sanno che mio marito è  un appassionato di bicicletta in tutte le sue varianti, tra cui il cicloturismo e così abbiamo formato un gruppetto e siamo partiti all’avventura e alla conquista delle ciclabili…

al confine Abbiamo pianificato il tragitto, prenotato le strutture dove passare la notte e poi abbiamo preparato le borse, caricato le bici e…viaaaaa.

Abbiamo fatto un giro bellissimo partendo da Tai di Cadore passando per Lienz, Villach, il lago di Bled, Lubijana, Gemona, Barcis per poi chiudere il cerchio tornando a Tai di Cadore, per un totale di 8 giorni, 700 km pedalati e 4000 mt di dislivello.

Che dire, era la mia prima esperienza del genere e diciamo che mi è servita per mettermi alla prova, per  testarmi e vedere quanto reggono le mie attempate gambine 🙂 e soprattutto a rendermi conto di quanto adattabile sono alle varie situazioni e cambi di programma e di quanto la mia mente possa influire sul mio corpo.

Tirando le somme posso dire che sono stata piacevolmente sorpresa dalla mia resistenza fisica, si perchè devo confessare che io sono una persona molto pigra e non faccio molta attività durante l’anno se non quel minimo indispensabile per non arrugginirmi ulteriormente, e perciò il fatto di aver macinato tutti quei chilometri mi ha dato molta soddisfazione; per quanto riguarda l’adattabilità e la forza di volontà invece ero quasi certa di farcela perchè a 52 anni posso affermare di conoscermi abbastanza bene e di avere abbastanza chiari i miei limiti e le mie risorse. Insomma alla fine dei conti è stata per me un’esperienza positiva che spero di poter ripetere al più presto.

cascata Ma torniamo a noi e alla nostra insalata di seppie…..

La vogliamo preparare insieme? allora procuratevi gli ingredienti e seguite le mie indicazioni, la parte più impegnativa della preparazione è quella di pulire e lessare le seppie perciò la cosa è molto semplice da preparare e sarà molto buona da gustare!

insalata di seppie INSALATA DI SEPPIE

Ingredienti:

  • 1,5 kg di seppie grandi
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 3 patate
  • 300 gr di pomodorini freschi
  • una decina di pomodori secchi sott’olio
  • 200 gr di olive verdi e nere denocciolate
  • uno spicchio d’aglio (facoltativo)
  • erba cipollina – prezzemolo – alloro
  • olio Evo – sale

Iniziamo con il pulire le seppie, evisceratele, privatele dell’osso, degli occhi e del  becco poi mettetle in una capace pentola con coperchio che avrete riempito con abbondante acqua salata e dove avrete messo una carota, un gambo di sedano e due foglie di alloro. Calcolate i tempi di cottura in circa 30 minuti dal momento in cui inizia a bollire e comunque assicuratevi che siano cotte passando i rebbi di una forchetta nella parte dove i tentacoli sono attaccati alla pancia; la forchetta deve entrare con facilità e la fibra non deve risultare troppo nervosa.

A cottura ultimata togliete le seppie dall’acqua, mettetele in una ciotola, copritele con della pellicola e lasciatele raffreddare completamente.

Nel frattempo lessate le patate a pezzi e lasciate raffreddare anche quelle.

Ora iniziamo a condire la nostra insalata di seppie; mettete le patate a pezzi in una capiente ciotola salatele leggermente unite l’aglio passato allo spremiaglio, l’erba cipollina tagliata sottile ed il prezzemolo tritato, condite anche con un po’ di olio e mescolate il tutto.

Unite le olive, alcune tagliate a rondelle altre lasciate intere, poi i pomodori secchi tagliati grossolani e per ultimi i pomodorini tagliati in due o quattro parti.

Mescolate nuovamente e poi per ultime aggiungete anche le seppie tagliate a pezzettoni, aggiustate di sale e olio e mescolate molto bene in modo che tutti gli ingredienti si distribuiscano al meglio.

Mettete in frigo l’insalata di seppie e lasciatela a raffreddare almeno un paio d’ore prima di servirla.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...