PASTA CON RAGU’ DI CARNI BIANCHE

pasta-con-ragu-di-carni-bianche-2 Il ragù, uno dei condimenti più apprezzati dai palati di noi italiani e preparato in moltissimi varianti. Questa mia in effetti è una variante preparata usando carni bianche, molto più digeribili e dal sapore più delicato.

In Italia il ragù è sinonimo di tagliatelle o di lasagne alla bolognese, infatti anche i turisti che ogni tanto si fermano a pranzare nel ristorante dove lavoro, conoscono la “bolognese sauce” e così vanno a colpo sicuro 🙂

Ottimo da proporre ai bambini e alle persone anziane o inappetenti che così, mangiando una buona pasta al ragù, ingeriscono carboidrati e proteine in un unico piatto così da apportare al loro fisico tutto ciò di cui ha bisogno.

Questa variante di ragù con carni bianche mi è stata ispirata da Lisa del blog MUM CAKE FRELIS dal quale ho scopiazzato la ricetta reintepretandola un pochino; questo grazie allo scambio di ricette che avviene ogni mese tra noi bloggalline che ci arricchisce e fa si che ci conosciamo meglio tra di noi anche come foodbloggers.

Nella versione originale il ragù è preparato con sola carne di tacchino, io invece ho preferito unire le carni di pollo e tacchino e poi ho aggiunto anche un pochino di speck, il tutto tritato finemente. Il risultato è un condimento davvero gustoso che non ha nulla da invidiare al classico ragù alla bolognese.

pasta-con-ragu-di-carni-bianche-1 PASTA CON RAGU’ DI CARNI BIANCHE 

Ingredienti:

per il ragù di tacchino:

  • 200 gr di polpa di tacchino
  • 200 gr di polpa di pollo
  • 100 gr di speck
  • 10/12 pomodorini piccadilly
  • 1 piccola cipolla bionda
  • un mazzetto di erbe aromatiche miste (maggiorana, salvia, rosmarino…)
  • un bicchiere di vino bianco secco
  • una noce di burro
  • olio evo – sale

per i tagliolini all’uovo:

  • 280 gr di farina 00
  • 120 gr di semola di grano duro
  • 4 uova intere

Per prima cosa prepariamo il ragù facendo soffriggere la cipolla tritata finemente in olio evo; appena sarà leggermente imbiondita versate il macinato misto di pollo tacchino e speck, fatelo rosolare avendo cura di sgranarlo per bene, sfumate con il vino e poi aggiungete gli aromi freschi tritati e i pomodorini mondati, lavati e tagliati in quattro pezzi.

Lasciate cuocere coperto  per circa 20- 30 minuti, poi regolate di sale e spegnete il fuoco.

Ora prepariamo i tagliolini; rompete le uova intere in una capace ciotola dove avrete già messo la farina mescolata con la semola rimacinata, mescolate con una forchetta ed appena il composto lo permetterà iniziate ad impastarlo a mano;continuate a tirarlo e ad impastare fino a che non otterrete una palla di pasta ben compatta e liscia.

Se l’impasto fosse troppo tenero aggiungete un poca di farina, nel caso invece risultasse troppo duro inumiditelo con pochissima acqua.

Appena avrete raggiunto il giusto risultato, tagliate un pezzetto di pasta e passatela tra i rulli della “nonna papera” (la macchinetta per tirare la pasta) con lo spessore sulla prima tacca (lo spessore più grosso) piegate in tre la sfoglia e ripassatela tra i rulli fino a che non esca ben compatta e liscia. Se risultasse appiccicosa, prima di ripiegarla spolveratela di farina; quando uscirà liscia e compatta regolate di nuovo lo spessore stavolta sulla seconda tacca e ripassate la sfoglia.

Così via via fino ad ottenere lo spessore che più vi piace e alla fine passate la pasta nel rullo che forma i tagliolini e poggiateli sopra un telo asciutto e pulito.

Lessate i tagliolini in abbondante acqua salata e poi conditeli con il ragù di carni bianche e… buon appetito! 🙂

P.S.  se non possedete una macchinetta per tirare la sfoglia dovrete armarvi di pazienza, mattarello e…. forza bruta 🙂 dovrete tirare una sfoglia sottile, così sottile da vederci in trasparenza le dita nascoste dietro. poi arrotolatela su se stessa non troppo stretta e tagliate i tagliolini con un coltello. 

TAGLIATELLE AI FUNGHI PORCINI FRESCHI

tagliatelle ai funghi porcini 1Le tagliatelle ai funghi porcini sono un classico piatto autunnale da preparare con porcini freschi e tagliatelle all’uovo di quelle ruvide che prendono molto sapore. Veloci da preparare e buonissime da gustare portano in tavola i profumi del bosco.

Non so voi ma io adoro l’autunno, adoro i colori caldi che trasformano i paesaggi in quadri  dai toni aranciati, amo le foglie secche che formano un tappeto multicolore sul quale passeggiare e mi piace soprattutto il rumore, il crepitio che fanno quando ci si passa sopra, mi fa tornare alla mente ricordi di quando ero bambina e a scuola, nel giardino dove passavamo i momenti di ricreazione, c’erano degli alti alberi di ipocastano che all’inizio dell’anno scolastico (che all’epoca era per tutti dal primo ottobre) iniziavano a spogliarsi di tutte le foglie; allora noi bambini ci giocavamo, ne facevamo dei cumuli per poi stenderci sopra e ne facevamo dei mazzetti, da portare a casa e far seccare tra i fogli di carta assorbente per poi fare i collage.

Mi piace in particolar modo il mese di ottobre perchè le temperature sono ancora miti e si possono ancora fare delle belle passeggiate in campagna, tra la vegetazione che si sta preparando per l’inverno e quella che inizia il suo breve ciclo prima del freddo.

Ricordo quando con i miei si andava in montagna a fine settembre e si andava per funghi; conoscevamo una zona dove i funghi porcini erano i protagonisti del sottobosco di larici ed era molto facile trovarne di freschissimi e molto grossi.

E così molti di quei funghi venivano tagliati sottili e poi seccati al sole in cassettine di legno, ma vista l’abbondanza si preparavano anche l’insalata di porcini freschi con il parmigiano a scaglie e le tagliatelle con i porcini freschi.

tagliatelle ai funghi porcini 2

TAGLIATELLE AI FUNGHI PORCINI FRESCHI

Ingredienti:

500 gr di funghi porcini freschi

2 spicchi d’aglio

un ciuffo di prezzemolo

olio evo – sale

500 gr di tagliatelle all’uovo fresche

(oppure preparate da voi con QUESTA ricetta)

Pulite i funghi eliminando la parte finale del gambo , eliminando eventuali residui di terra e muschi, spolverateli con della carta da cucina umida in modo da eliminare la polvere anche dal cappello e poi tagliateli a fettine.

In una larga padella fate soffriggere gli spicchi d’aglio in abbondante olio evo, fateli imbiondire e poi eliminateli; versate i funghi, mescolateli delicatamente e poi lasciateli cuocere a pentola coperta per circa 15 – 20 minuti a fuoco medio.

Quando saranno cotti regolate di sale e profumate con il prezzemolo.

Se vorrete preparare le tagliatelle in casa seguite dosi e istruzioni in QUESTA PAGINA

Nel frattempo lessate al dente la pasta in abbondante acqua salata, scolatela ma tenete da parte un mestolo di acqua di cottura.

Versate le tagliatelle nella padella con i funghi, bagnate con un poca dell’acqua di cottura e spadellate a fuoco vivace.

Servite ben caldo e spolverato di parmigiano grattugiato.

PASTA CON IL BACCALA’

pasta con il baccalà 2

Il baccalà è il protagonista di questo primo piatto e ne fa una pietanza davvero gustosa e saporita, un piatto ricco anche se semplice e con pochi ingredienti. La pasta al baccalà  perfetta per un pranzo al mare o per una cena tra amici, vi assicuro che verrà molto apprezzata.

pasta di canossa paccheri

E con l’arrivo di Luglio eccoci arrivati alla quarta puntata del contest #girodeiprimi grazie al quale viaggiamo idealmente tra le regioni del sud Italia attraverso la loro cultura culinaria e questa volta ci fermiamo nelle Marche. Questa regione ha una lunga parte costiera che si affaccia sul mare Adriatico, ed io negli anni ho avuto la fortuna di fermarmi in diversi paesi sia costieri, come S. Benedetto del Tronto con la sua bellissima passeggiata sul lungomare che lo collega fino a Grottammare località balneare con dei bellissimi edifici in stile liberty edificati proprio lungo il corso sul lungomare, sia dell’entroterra dove ci sono città come Ascoli piceno o  paesini come Serra S. Quirico e Jesi senza scordarci poi delle bellissime e suggestive grotte di Frasassi un spettacolo della natura.

pasta con il baccalà 1

Per rappresentare la tradizione culinaria marchigiana ho scelto di preparare un piatto a base di pesce, la pasta con il baccalà che nella versione originale prevede l’impiego delle pappardelle all’uovo che io ho sostituito con i paccheri della Pasta di Canossa.

Perciò dopo la Pasta al sugo degli strascinati con olive e peperoni secchi che rappresentava la Basilicata la Pasta con il ragù di salsiccia e mandorle che rappresentava la Sardegna e la Pasta con alici e capperi che rappresentava il Molise ecco la mia proposta per rappresentare le Marche la pasta con il baccalà.

pasta con il baccalà 4

PASTA CON IL BACCALA’

Ingredienti:

  • 500 gr di pasta formato paccheri
  • 400 gr di baccalà ammollato
  • 50 gr di lardo
  • 5-6 cucchiai di passata di pomodoro
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • 1 spicchio d’aglio
  • prezzemolo – sale – olio EVO

In una larga padella soffriggete l’aglio con il lardo e l’olio EVO, poi aggiungete il baccalà tagliato a pezzi, rosolatelo rigirandolo con delicatezza per non spappolarlo e poi sfumate con il vino bianco.

A questo punto aggiungete la passata di pomodoro, regolate di sale profumate con il prezzemolo tritato, mescolate un pochino il tutto e lasciate cuocere  a fuoco lento.

Nel frattempo in abbondante acqua salata, lessate la pasta al dente, scolatela, saltatela nella padella dove avete cotto il sugo al baccalà e poi servitela calda.

Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi indetto da La Melagrana – food creative idea e Pasta di Canossa

banner girodeiprimi

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...