MUFFIN PANETTONE

muffin-panettone-2

I muffin sono dei dolcetti sempre molto graditi e che si possono preparare per ogni occasione. Nello specifico questi muffin panettone li ho chiamati così perchè ricordano il profumo e il gusto proprio del panettone e possono essere piacevolmente portati sulla tavola delle feste quasi per sostituirlo, così da creare una gradita sorpresa tra i vostri ospiti.

muffin-panettone-1

Come ogni anno le tradizioni, in quanto tali, si ripetono e questo fa si che io vada dalla mia amica di una vita a farle gli auguri di Natale portandole un dolcetto preparato specificatamente per l’occasione. Essì, perchè come diceva mia nonna “meglio bruciare un paese che mancare ad una tradizione” e chi sono io per voler dare a fuoco e fiamme il nostro bel paesino di origine? 😉

Ecco allora l’idea… visto che ci troviamo per il te del pomeriggio, ho preparato questi muffin panettone, ma ho preparato anche della salsa allo ZABAIONE in modo da gustarli pucciandoceli dentro 😛

Profumano in un modo davvero inebriante, e sono di una morbidezza unica. Tra una chiacchiera e l’altra ce li siamo gustati e poi ci siamo anche godute una bellissima serata andando ad un concerto gospel. Ah… le amiche … dovrebbero essere dichiarate patrimonio dell’umanità. Sono triste al pensiero di chi non ne ha….

muffin-panettone-4

MUFFIN PANETTONE

Ingredienti:

  • 2 uova
  • 125 gr di zucchero
  • 125 gr di burro
  • 125 gr di farina 00
  • 80 gr di uvetta
  • 60 gr di canditi di arancia
  • la scorza di un’arancia
  • vaniglia – aroma di rum
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

In una capiente ciotola versare le uova con lo zucchero e mescolare bene fino ad ottenere un composto bello spumoso, a questo punto aggiungere il burro fuso e leggermente raffreddato.

Ora unire la farina setacciata con il lievito, e mano a mano la scorza di arancia grattugiata, la vaniglia e l’aroma al rum. Da ultimi aggiungete i canditi e l’uvetta che avrete precedentemente ammollato in acqua tiepida, scolato, tamponato con della carta assorbente e infarinato leggermente in modo che durante la cottura non affondi nel composto.

Disponete nello stampo per muffin i pirottini di carta, riempiteli con l’impasto per poco più della metà, poi passate in forno preriscaldato a 180° e lasciate cuocere per 15 – 20 minuti.

Lasciate raffreddare i muffin togliendoli dallo stampo e appoggiandoli su una gratella.

Quando saranno freddi cospargeteli con zucchero a velo. Vi consiglio di servirli accompagnandoli con della salsa alla zabaione di cui se volete troverete la mia ricetta QUI 

CIAMBELLA SOFFICE AL CAFFE’

Provate ad immaginarvi la scena … la sveglia suona, è ora di alzarsi e appena aprite gli occhi  il profumo del caffè vi solletica il naso per favorire il vostro risveglio; così uscite dal letto, andate in cucina per fare colazione e sul tavolo apparecchiato con tazza e piattino vi accoglie anche questa profumata ciambella soffice al caffè. Non è un bellissimo inizio di giornata?

La ricetta di questa torta l’ho trovata nel blog Fables de sucre e dire che è buona è riduttivo; io amo molto i dolci al caffè e questa ciambella è davvero una bellissima e buonissima scoperta.

Dopo la prima, sfornata come prova, ne ho preparata un’altra da portare in montagna dove eravamo stati invitati a passare il weekend come ospiti in casa di amici. L’ho messa appunto sul tavolo della colazione e credo che sia durata poco più di mezz’ora, tanto è soffice e profumata che invoglia alla seconda e anche alla terza fetta.

CIAMBELLA SOFFICE AL CAFFE’

Ingredienti: (per uno stampo di 25 cm di diametro)

  • 230 gr di farina 00
  • 165 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 85 gr di olio di riso (o di semi)
  • 85 gr di acqua
  • 65 gr di caffè espresso
  • 10 gr di caffè liofilizzato
  • 1 bustina di lievito per dolci

Per la glassa:

  • 15 -20 gr di caffè espresso
  • 100 gr di zucchero a velo
  • chicchi di caffè ricoperti di cioccolato per decorare

Per prima cosa preparate la miscela di caffè espresso e caffè solubile, facendo sciogliere per bene quest’ ultimo nel caffè ancora caldo, mescolando con cura e poi lasciate raffreddare completamente.

In una ciotola lavorare le uova intere con lo zucchero con le fruste elettriche fino a farle divenire gonfie e spumose, a questo punto aggiungete l’acqua, l’olio e poco per volta la farina setacciata con il lievito. Attenzione a mescolare con delicatezza, possibilmente con una larga spatola e con movimenti che vanno dal fondo verso l’alto in modo da smontare il meno possibile l’impasto.

Ora unite anche il caffè raffreddato, mescolate nuovamente e versate il composto in uno stampo per ciambelle unto ed infarinato (o se preferite in uno stampo da plumcake).

Passate in forno già caldo a 180° e lasciate cuocere per 35/40 minuti. (fate sempre la prova stecchino).

Quando la ciambella sarà cotta sformatela e mettetela a raffreddare sopra una gratella.

Adesso che la ciambella è completamente raffreddata potete preparare la glassa al caffè: mettete lo zucchero a velo in una ciotolina, mescolando aggiungete poco per volta il caffè espresso freddo fino ad ottenere una cremina semiliquida ma abbastanza densa da non scivolare giù dalla torta. Lasciate la torta sulla gratella ma mettete sotto la gratella un vassoio in modo da raccogliere eventualmente la glassa che colerà. Distribuite la glassa al caffè sulla ciambella e fatela colare lungo i bordi interni ed esterni e poi appoggiate sulla parte superiore i chicchi di caffè al cioccolato. Se non avete o non vi piacciono i chicchi di caffè potete decorare con granella di nocciole o cioccolato a scaglie.

Lasciate che la glassa si asciughi e poi spostate la ciambella sul piatto da portata.

CROSTATA CON CREMA FRANGIPANE E AMARENE SCIROPPATE

Crostata con crema frangipane alle mandorle e amarene sciroppate, un dolce dove il gusto leggermente acido delle amarene si sposa alla perfezione con la dolcezza della crema frangipane, che con la sua delicatezza avvolge i rossi frutti, il tutto trattenuto in uno scrigno di pasta frolla molto delicata e profumatissima.

Sono sempre alla ricerca di nuovi abbinamenti e di ricette di base diverse da quelle che uso di solito , proprio per la curiosità di provare la differenza di gusto e di risultato variando le proporzioni degli ingredienti di base e dei vari abbinamenti più o meno azzardati. Questa volta mi sono fatta prendere dalla pasta frolla ripiena di crema frangipane; la crema frangipane è una crema molto profumata a base di farina di mandorle che nella pasticceria classica si usa per farcire crostate e torte oppure come ripieno per dolcetti e brioche. Se si vuole consumare al cucchiaio o impiegarla per farcire dei dolcetti già cotti bisogna prepararla e poi cuocerla sul fornello fino a che diventi densa, se invece si vuole farcire un dolce si usa la crema così com’è appena impastata, si versa all’interno del dolce e poi la si mette in forno dove verrà cotta con l’impasto. La ricetta della frangipane che vi propongo in questa crostata è del maestro Montersino, ma esistono molte varianti da provare e da valutare come per esempio la crema frangipane alle nocciole dove si sostituisce la farina di mandorle con quella di nocciole appunto.

Per quanto riguarda la pasta frolla invece ho cercato di trovarne una con una buona proporzione tra farina,  burro e zucchero in modo da ottenere una crostata fine e friabile ma non croccante, insomma il risultato doveva essere un dolce delicato, profumato di burro e vaniglia con un cuore morbido dove a sorpresa spuntasse anche il gusto asprigno delle amarene e alla fine è quello che ho ottenuto

La ricetta della pasta frolla l’ho rubacchiata alla mia amica Rosalba che ringrazio pubblicamente e alla quale faccio i miei più sinceri complimenti, l’unica mia variazione è stata quella di sostituire lo zucchero semolato con dello zucchero a velo.

E perciò, ecco a voi la crostata con crema frangipane e amarene sciroppate…

CROSTATA CON CREMA FRANGIPANE E AMARENE SCIROPPATE

Ingredienti:

per la pasta frolla:

  • 400 gr di farina 00
  • 200 gr di zucchero a velo
  • 200 gr di burro (non troppo freddo)
  • 2 uova t. a.
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  •  vaniglia – sale

per la crema frangipane:

  • 125 gr di burro t.a.
  • 125 gr di zucchero a velo
  • 125 gr di farina di mandorle
  • 50 gr di farina 00
  • 2 uova
  • vaniglia

200 gr di amarene sciroppate sgocciolate dallo sciroppo da distribuire sul fondo

Disponete la farina a fontana sul piano di lavoro, formate un’incavo centrale e versateci il burro freddo ma non da frigo  tagliato a piccoli pezzetti e iniziate ad impastarlo con la farina sbriciolando il tutto; poi formate di nuovo una fontana con un’incavo al centro e aggiungete lo zucchero, le uova leggermente sbattute, la vaniglia, un pizzichino di sale fino  e la scorza grattugiata del limone, impastate tutto il più brevemente possibile e appena avrete ottenuto un bel panetto di pasta compatta e soda  appiattitela, avvolgetela con della pellicola e mettetela in frigo a riposare per almeno un ora.

Nel frattempo preparate  la crema frangipane alle mandorle sbattendo a crema il burro a temperatura ambiente (t.a.) con lo zucchero a velo, unite la farina di mandorle, la farina 00, la vaniglia, le uova leggermente sbattute e mescolate energicamente fino ad ottenere un composto bello cremoso.

Ora mettete a sgocciolare le amarene sciroppate in un colino in modo che scolino per bene.

Trascorso il tempo riprendete la pasta frolla dal frigorifero, con l’aiuto del mattarello tiratela uniformemente dello spessore di circa 1 cm, poi arrotolatela sul mattarello e adagiatela sullo stampo da crostate e rivestitelo con la pasta avendo cura di farla aderire bene al fondo e ai bordi, rifinite il bordo in alto eliminando la pasta in eccedenza con l’aiuto di un coltello, mettetela da parte e poi punzecchiate con una forchetta il fondo in modo che non si gonfi durante la cottura.

Adesso prendete le amarene sgocciolate e distribuitele sul fondo cercando di metterne diverse lungo il bordo della crostata , poi ricopritele con la crema frangipane in modo omogeneo (io ho usato una sac a poche) e per ultima cosa ricoprite il tutto con delle formine ritagliate dalla pasta frolla che avevate messo da parte dopo aver foderato lo stampo. Io ho ritagliato con un cutter da biscotti dei fiorellini ma in alternativa potete ricoprire anche con delle striscioline.

Passate tutto in forno già caldo a 200°e lasciate cuocere per 10 minuti, poi abbassate a 180° e lasciate cuocere per altri 15 – 20 minuti; la crostata deve colorarsi un pochino e asciugarsi. A fine cottura lasciatela raffreddare e poi toglietela dallo stampo e spolveratela con dello zucchero a velo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...