PASTA ALLA CARBONARA

Oggi un piatto classico, la pasta alla carbonara piatto tipico della tradizione laziale che credo almeno tutti abbiamo preparato almeno una volta; questa è la versione che preparo io nella mia cucina e che fino ad ora ha sempre avuto un gran successo.

Ogni tanto mi vengono in mente le avventure culinarie da neo sposina di una mia amica che sfortunatamente era rimasta orfana dei genitori molto giovane e perciò non aveva avuto l’opportunità di affiancare la madre ai fornelli in modo da farsi un poca di esperienza.

Mi raccontava di una sera che voleva preparare la polenta e ha messo a bollire un poca, anzi pochissima acqua in un pentolino e poi ha versato tutto un pacco intero di farina, non vi dico il disastro quando ha iniziato a cuocere: crema densissima di polenta che fuoriusciva dal micropentolino e ricopriva il fornello mentre lei in lacrime al telefono con sua sorella che chiedeva cosa fare.

Ma mica li veniva in mente di spegnere il fornello!!!! no quello proprio no 🙂

Eh, ora ci si ride sopra ma al momento è stato davvero un dramma…

Ecco perchè ho deciso di pubblicare ogni tanto anche qualche ricetta classica, di base, per essere di aiuto qualche neo sposina oppure qualche single, o qualche ragazzo che si deve preparare la cena in assenza dei genitori oppure per dare una marcia in più a qualche signora che ha già dimestichezza con i fornelli ma che come me ogni tanto cerca conferme e suggerimenti in rete.

PASTA ALLA CARBONARA

ingredienti:

  • 400 gr di spaghetti
  • 200 gr di guanciale (in alternativa pancetta)
  • 4 uova
  • 1 spicchio d’aglio (facoltativo)
  • 150 gr pecorino grattugiato
  • sale – pepe nero

In una padella fate soffriggere brevemente lo spicchio di aglio, eliminatelo e poi versate il guanciale tagliato a listarelle e fatelo rosolare per bene

Ora prepariamo le uova: mettete 3 uova intere più 1 tuorlo in una ciotola a bordi alti, aggiungete un pizzico di sale, il pepe e sbattete energicamente con una frusta in modo da ottenere un composto schiumoso e ben amalgamato.

Nel frattempo cuocete al dente gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolateli e poi versateli nuovamente nella pentola dove li avete cotti, aggiungete il guanciale con il sughetto di cottura e poi le uova sbattute.

Ora è importante mescolare molto velocemente ed energicamente in modo che gli ingredienti si amalgamino tra loro e le uova con il calore della pasta formino una cremina  liscia ed omogenea e non una specie di frittata.

Servite ben calda in piatti individuali e volendo potete spolverare ulteriormente con pecorino grattugiato.

Questa la ricetta originale da seguire, ma poi ognuno di noi la può personalizzare come gli pare; per esempio a casa mia la apprezziamo di più fatta con la pancetta che con il guanciale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente TORTA FREDDA ALLO YOGURT CON FRUTTI ROSSI Successivo INSALATA DI RISO BASMATI CON VERDURE E TONNO

14 commenti su “PASTA ALLA CARBONARA

    • loscrignodisusy il said:

      a chi lo dici!
      io pasta meno ne mangio e meglio è….cioè sarebbe perchè la pasta è uno delle mie passioni assieme al risotto e ai dolci. che abbinate eh? se dessi retta ai miei istinti peserei 150 kg!!! ha ha ha ha ha

    • loscrignodisusy il said:

      in effetti è un piatto semplice e veloce che risolve prontamente pranzo o cena.
      ciaooo e grazie della visita 🙂

    • loscrignodisusy il said:

      ciao Paola, ancora non ho “marmellato” ma appena il caldo si smorza un pochino mi metto all’opera 🙂

    • loscrignodisusy il said:

      grazie mille Carmen, hai capito benissimo il senso di questo mio post. che mica tutti sono chef professionisti, no? io per prima…. 🙂

  1. Oh la carbonare! Che meraviglia!
    Concordo pienamente con l’idea di pubblicare ricette in apparenza facili ma decisamente utili per chi non è così abile in cucina.
    E’ una cosa che amo fare anche io 🙂
    L’idea del curry mi incuriosisce parecchio…
    Buona giornata
    Babe

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.