ZALETI VENEZIANI (o zaèti)

zaèti o zaleti veneziani 2 i zalèti, o meglio zaèti in veneziano, prendono il loro nome dal colore giallo intenso che li caratterizza, zàlo in veneziano significa appunto giallo ed ecco perchè questi buonissimi biscotti hanno questo bizzarro nome.

il colore giallo che li caratterizza viene determinato sia dai tuorli d’uovo usati per l’impasto, sia dalla farina di mais gialla che viene usata per dare ai biscotti il loro caratteristico gusto un po’ croccantino.

zalèti o zaèti 1 ieri a Venezia, come succede ogni anno la prima domenica del mese di settembre, si è svolta la regata storica, una stupenda manifestazione che consiglio vivamente a tutti di venire a vedere almeno una volta. lungo il canal grande sfilano per prime le imbarcazioni del corteo storico e poi successivamente le imbarcazioni sportive, dove squadre di caorline (tipiche imbarcazioni veneziane) si sfidano in un percorso predefinito. la parte storica invece, rievoca il corteo acqueo che accolse trionfalmente nel 1489 Caterina Cornaro, regina di Cipro che tornò in città per abdicare in favore del Doge.

il corteo è formato da decine di imbarcazioni storiche veneziane a remi in cui si possono ammirare vogatori e nobili veneziani vestiti con costumi d’epoca tra i quali spiccano il Doge e Caterina Cornaro.

regata storica-2-2 e siccome l’entroterra veneziano era ed è molto importante per Venezia, da oltre 30 anni la domenica successiva a quella della regata storica di, lungo il naviglio Brenta si svolge unabellissima manifestazione la “Riviera Fiorita un’elegante regata storica a cui partecipano le stesse imbarcazioni che sfilano in corteo sul canal grande, solo che in questo caso percorrono una parte del naviglio del Brenta. il corteo parte a metà mattinata dalla villa Pisani di Stra (Ve) per raggiungere Mira (il mio bel paesino 😉 ) verso l’ora di pranzo dove i figuranti sono ospiti ad un banchetto presso villa Contarini o Dei Leoni. nel primo pomeriggio il corteo acqueo prosegue poi sfilando tra le rive animate da tantissima gente che lo accoglie, dopo aver fatto pic nic sulle rive del naviglio o aver pranzato in uno dei tanti ristorantini della zona. le imbarcazioni sfilano attraversando tutti i paesi che si affacciano lungo il naviglio Brenta, fino ad arrivare in laguna, in direzione Venezia.

è una giornata di grandi festeggiamenti e se non riuscite a partecipare alla regata storica di Venezia, allora potrete sempre optare per partecipare con noi rivieraschi a questa nostra bella manifestazione.

vetri veneziani

io adoro questi biscotti come anche i bussolai buranèi o gli esse e siccome volevo una ricetta che fosse il più vicino possibile a quella tradizionale veneziana, chi meglio di una veneziana doc poteva aiutarmi?  ecco QUI troverete il suo blog, e ancora grazie ad Elena per questa favolosa ricetta. 🙂


 ZALETI  VENEZIANI (o zaèti)

ingerdienti:

150 gr di farina 00

150 gr di farina di mais gialla del tipo fioretto

100 gr di zucchero

150 gr di burro

3 tuorli d’uovo

100 gr di uvetta

un pizzico di sale

1 bacca di vaniglia

la scorza di un limone grattugiata

mescolate le due farine con la vaniglia raschiata dalla bacca, un pizzico di sale e lo zucchero, formate una fontana, fate un buco al centro e versateci all’interno i tuorli d’uovo, il burro ammorbidito e l’uvetta ben sgocciolata dal liquido in cui l’avevate messa in ammollo per ammorbidirla., e la scorza del limone.

iniziate ad impastare con le mani e continuate fino ad ottenere una pasta liscia e compatta.

ora inumiditevi i palmi delle mani e formate con dei pezzi di pasta, degli ovali che poi schiaccerete leggermente ai vertici in modo da dare la forma a losanga.

mettete i biscotti sulla placca del forno foderata di cartaforno, passateli in forno già caldo a 180° e lasciateli cuocere per circa 15 minuti

lasciateli raffreddare completamente e poi serviteli spolverizzati di zucchero a velo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente PASTA E FAGIOLI ALLA VENETA Successivo FILETTO DI CEFALO CON POMODORINI E CAPONATA DI MELANZANE ROSSE

8 commenti su “ZALETI VENEZIANI (o zaèti)

    • loscrignodellebonta il said:

      eh a chi lo dici Erica…. io a casa a parte nella stagione estiva faccio biscottini almeno una volta a settimana e non sai quante volte la mia scelta cade su questi golosi bocconcini 🙂

  1. Questi biscotti hanno un aspetto davvero goloso. Non ho mai assaggiato dolci con la farina gialla, questi biscotti potrebbero proprio essere la mia prima prova… 🙂
    Ma quanto sono affascinanti quelle sfilate in costume per Venezia, fanno proprio sognare a occhi aperti.
    Buona settimana.

    • loscrignodellebonta il said:

      è vero Ilaria, Venezia popolata di persone in costume d’epoca fa davvero sognare ad occhi aperti 🙂
      e se davvero non hai mai assaggiato dolcetti con la farina di mais tra gli ingredienti, beh allora questa ricette fa davvero al caso tuo, inizi davvero con una golosità assoluta.
      felice settimana anche a te 🙂

  2. Aless il said:

    La regata storica è stupenda, e sono stupendi e deliziosi anche i zaleti, brava, grazie della ricetta e se ti va ti aspettiamo con una ricetta per il contest…..

  3. Brava Susanna! Sai che mi era sfuggito questo bellissimo articolo sulla regata? Hai fatto bene a farmelo notare su Facebook! Sono contenta che la ricetta sia stata di tuo gradimento, pensa che è la ricetta originale di una pasticceria di Venezia che ho da tanti, tanti anni! Ancora complimenti e un abbraccio. Elena

    • loscrignodellebonta il said:

      Elena!!!!! ciao carissima e ancora grazie per la tua ricetta, è eccezionale, mai mangiati zaèti così buoni! baci baci cara e chissà che un giorno riusciamo ad abbracciarci veramente, in fin dei conti abitiamo abbastanza vicine no?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.