SAN CANDIDO – LIENZ seconda parte

come promesso ecco la seconda ed ultima parte del resoconto della divertente biciclettata che abbiamo fatto io e la mia famiglia tra gli splendidi scenari della val pusteria.

è il secondo giorno della nostra mini-vacanza e lo facciamo iniziare con una tranquilla e golosa colazione in stile tirolese, con pane, marmellata, cioccolato, e the alla frutta…ah dimenticavo anche un pochino di yugurt ai frutti di bosco…. 🙂 dopo aver spazzolato tutto questo “bendidio” ci avviamo verso la stazione ferroviaria di lienz dove ci hanno detto che possiamo trovare delle biciclette a noleggio, fatte tutte le pratiche burocratiche necessarie si sale in sella e si comincia a pedalare, solo che c’è una piccola precisazione da fare: la pista ciclabile che porta da lienz in direzione san candido è quasi tutta in salita!!!!!

la squadra non ce la fa, non ce la fa……infatti dopo mezz’ ora di pedalate e di incitamenti da parte dell’unico “ciclista serio” sulla velocità media da tenere per arrivare a san candido prima di sera 🙁 decidiamo che la squadra non è all’altezza di tale prestazione sportiva, infatti con la  media che tenevamo il tempo di arrivo stimato era di almeno 6 ore…….

si decide allora di caricare le bici e i ciclisti sul treno che in circa 20 minuti ci porta a san candido dove arriviamo in perfetto orario;  poi dalla stazione pedalando ci avviamo verso il centro del paese dove sappiamo per certo che troveremo una festa con numerosi stand gastronomici, in effetti si sono fatte già le 13.00 e un po’ di appetito inizia a farsi sentire…..

attraversiamo il centro e ci avventuriamo, bici alla mano, tra stand di frittelle e waffel, di crauti e wurstel, di strudel e salsa di mirtilli, di canederli e selvaggina alla brace e finalmente decidiamo di accomodarci ad un tavolo dove ordiniamo il pranzo e non sapendo scegliere tra le varie proposte io e mio marito ci accordiamo nel dividere un piatto di gnocchi di patate conditi con un sugo “dell’alpino” con carni miste, funghi e pomodoro e un secondo di polenta e “lugànega” che sarebbe la salsiccia aperta per metà e cotta alla brace, una fresca birra bionda per annaffiare il tutto e l’ irrinunciabile tazzina di caffè espresso per concludere in bellezza!

facciamo un’altra passeggiata tra le varie bancarelle e poi ci avviamo verso la pista ciclabile che ci riporterà a lienz.

forse mi ripeterò, ma se avrete l’occasione di trovarvi da quelle parti non potete perdervi la possibilità di fare questa bellissima esperienza; la ciclabile che porta da san candido a lienz è di circa 42 km quasi tutti in discesa, si snoda tra prati, boschi, ponti su torrenti e qualche gruppetto di abitazioni limitrofe ai paesetti della zona, si pedala e si chiacchiera senza mai condividere il percorso con nessun altro mezzo che non siano le biciclette!

s’ incontrano pecore, capre e mucche al pascolo, fontanelle di acqua fresca per dissetarsi e come sottofondo musicale unicamente lo scampanellio delle altre bici che vengono in senso contrario o di quelle che invece ci sorpassano.

ad un certo punto del tragitto c’è però una tappa OBBLIGATA per tutti……la fabbrica della loacker!!!!!!!!  “veniamo giù dai monti, dai monti del tirolo……cantiamo tutti in coro loacker che bontà!!!” avete capito benissimo, proprio la fabbrica dei stragolosissimi biscotti al cioccolato, il paradiso dei wafer alla nocciola…

ecco quello che ci accoglie appena arriviamo nel prato che circonda lo stabilimento: la grande scritta in bella vista ed un’enoooormeeeeee pacchetto di quadrattini alla nocciola (quella sulla destra che lo regge sono ioooo!) le istruzioni riportate sul retro dicono che è alto 7, 5  metri e può contenere circa 4.300 kg di biscottini 😉

poi tutto intorno ci sono le sagome degli gnomi che accompagnano i bimbi ( e non solo…) alle varie giostrine e casette sparse per il prato e finalmente……entriamo!!!!!

da non credere…..mi sembra di essere un bimbo in un negozio di giocattoli, il cancelletto d’entrata è a forma di wafer e…..ci sono biscottini di mille varietà, gadget, scatole di assortimento, e persino la versione “crema spalmabile”…….no, non posso più resistere….DEVO ASSOLUTAMENTE ADDENTARNE QUALCUNOOOOOO!!!!!!!!!

scegliamo con parsimonia e dopo una severa valutazione andiamo alla cassa con il bottino….

abbiamo scelto dei prodotti che non sono ancora in commercio, o almeno io non li ho mai trovati nei negozi che frequento, tra questi la nuovissima “rosa delle dolmiti” versione al latte o fondente: piacere allo stato puro!

bene, adesso però è l’ora di riprendere a pedalare non siamo neanche a metà strada….sarà anche quasi tutta discesa ma bisogna comunque mettersi in strada,  e allora viaaaaaaa!!!!!!

ci aspettano almeno un paio d’ore di bicicletta prima di arrivare alla stazione di lienz, dove arriviamo che sono già le 17.30 giusti in tempo per regalarci una calda sauna seguita da una bella doccia fresca e una rilassante mezz’oretta sdraiati sul lettino del centro benessere……ah…..mi ci potrei abituare a questo stile di vita, sì sì sì! 😉

dopo un’ ottima cena e una breve passeggiata tanto per sgranchirci le gambe rientriamo in albergo dove ci aspetta una serena  notte tra le braccia di morfeo.

il mattino successivo lienz ci sveglia con il rumore della pioggia e una giornata dalla temperatura tutt’altro che estiva, il cielo è grigio e le nuvole sono cariche d’acqua.

ci avviamo verso l’auto con i bagagli ed iniziamo il nostro viaggio di ritorno,  faremo una sosta a belluno per il pranzo e poi via, diretti verso casa.

ecco questo è il resoconto della mia tre giorni immersa tra gli splendidi panorami delle nostre alpi e del parco nazionale delle dolomiti bellunesi, che tra l’altro sono state giustamente  dichiarate “patrimonio dell’umanità”.

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente S. CANDIDO - LIENZ prima parte Successivo CROSTATA MORBIDA CON MARMELLATA

4 commenti su “SAN CANDIDO – LIENZ seconda parte

  1. fantastico!!! tu hai un sorriso stupendo. pero’ hai barato… ma come? dici che ci racconti la pedalata e poi prendi il treno? 😀 la fabbrica dei loacker e’ un sogno sul genere de “la fabbrica di cioccolato”.

  2. loscrignodisusy il said:

    @alma- ha ha ha laura hai ragione ma mi sa che comunque il bilancio calorie assunte/calorie bruciate non è prorpio alla pari 😉
    @maaleeesh- grazie deborah sei sempre gentile 🙂 ma…ebbene si, lo confesso: ho barato spudoratamente! ma solo all’andata però….

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.