MARMELLATA DI FICHI AL BRANDY

Oggi marmellata di fichi, fatta con fichi colti dall’albero appena un paio d’ore prima di venir messi a cuocere…

Questa marmellata è una di quelle preparazioni che è diventata un rito in casa mia, come la preparazione del pesto a metà estate e lo sciroppo per conservare in barattolo pere e pesche da gustare durante il periodo invernale assaporando anche il profumo della frutta che ho “intrappolato” nel vetro.

La marmellata di fichi è appunto il rito di fine agosto, che nella maggior parte delle volte significa che l’estate sta volgendo al termine, la maggior parte delle volte…….ma decisamente non di di “questa” volta!!!!!!

Infatti stranamente in questa torrida estate 2011 siamo il 27 agosto ed il termometro segna ancora temperature africane, vicinissime ai 40° che mettendo in conto l’umidità che caratterizza la zona in cui vivo io ce ne fa percepire almeno 4-5 in più!!!! 🙁

La mia nonna scandiva il passare del tempo, dei giorni e delle stagioni con i proverbi popolari che un fondo di scienza e saggezza ce l’hanno sempre e in questo periodo soleva dire: “la prima pioggia d’agosto rinfresca il bosco” nel senso che il primo temporale d’agosto tendenzialmente porta con se un cambio di temperatura che di solito si abbassa e ci accompagna con gentilezza all’incontro con l’inizio dell’autunno.

E allora speriamo che la prima pioggia d’agosto arrivi presto a rinfrescare le nostre giornate e nel frattempo cogliamo i fichi gonfi, profumati e dolci, mettiamoli in pentola e facciamo una golosa marmellata… 😉

MARMELLATA DI FICHI AL BRANDY

ingredienti

  • 1 kg di fichi freschissimi e maturi
  • 500 gr di zucchero
  • 1 busta di pectina 2:1
  • 1 limone non trattato
  • 1/2 bicchierino di brandy

Sbucciate e tagliate in quattro i fichi, metteteli in una pentola, unite la scorza grattugiata del limone ed irrorateli con il succo;

In una ciotola mescolate lo zucchero alla pectina, unitela alla frutta nella pentola, copritela con un coperchio e lasciate riposare per qualche ora in un luogo fresco rimestando di tanto in tanto.

Trascorso il tempo mettete sul fuoco e fate prendere bollore, continuate la cottura a fiamma bassa fino a raggiungere la consistenza desiderata (controllate eseguendo LA PROVA PIATTINO) a questo punto aggiungete il brandy e fate bollire ancora per qualche minuto.

A me piacciono le marmellate senza pezzi e allora la passo con il mixer ad immersione, voi fate a vostro gusto.

Invasate la marmellata ancora bollente in vasi di vetro sterilizzati, capovolgeteli e lasciateli raffreddare completamente.

con questa ricetta partecipo al contest di Leda “FICHI E UVA”

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente SANGRIA ALL'ITALIANA Successivo INSALATA DI PASTA FREDDA CON POMODORINI, RICOTTA AFFUMICATA E PROSCIUTTO

12 commenti su “MARMELLATA DI FICHI AL BRANDY

  1. loscrignodisusy il said:

    @maaleesh-ha ha ha si dai deborah, ubriacala per bene questa marmellata!!!
    @rosy-benvenuta rosy, e grazie per i tuoi complimenti… 🙂
    @stefy-cara, non sei l’unica che farebbe pazzie per questa golosità, anche perchè se non conosci qualcuno che ha un’ albero di fichi e che ti possa regalare i frutti nel pieno della loro maturazione non è poi così facile trovarli….ciao e buon week end!

  2. loscrignodisusy il said:

    ciao rosina e benvenuta! mi fa piacere che ti piaccia questa marmellata, credo che sia la preferita di molti 🙂

  3. Lorenzo D. il said:

    Molto interessante, chiedevo però se presenta un gusto forte, avendo poi sia il brandy che i fichi, quale brandy poi consigli? Italiano o spagnolo? Italiano un rene briand potrebbe andar bene o il classico stravecchio? Di Spagnolo, un carlos primero, oppure un cardenal mendoza? Considera che il brandy spagnolo è più morbido.
    Aspetto tue informazioni, grazie.

    • loscrignodisusy il said:

      io direi che un carlos primeros è il più adatto, come dici tu è più morbido.
      in effetti il brandy da a questa marmellata un tocco di carattere, che comunque viene un po’ smorzato con qualche minuto di bollitura.
      magari se sei incerto prova a farne mezza dose 🙂

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.