VELLUTATA DI ZUCCA E CECI con rosmarino

La vellutata di zucca e ceci è un primo piatto cremoso, profumato, molto invitante ma è soprattutto un piatto completo vista la presenza dei ceci ricchi di proteine e di sali minerali, e che assieme alla zucca rendono il tutto ricco anche  di fibre. Il tocco finale del rosmarino darà quella nota aromatica in più che farà apprezzare il tutto anche nella parte olfattiva.

E’ arrivato ottobre e per me è tempo di zucca e di tutti quei meravigliosi piatti che si possono preparare combinandola con tante altri ingredienti. In questa mia proposta ho abbinato la zucca con il cece, un legume che si presta molto bene ad essere impiegato nella preparazione di minestre e zuppe. Devo confessare che ho scoperto da pochi anni il suo gusto delicato e le sue innumerevoli qualità, come la ricchezza di sali minerali e vitamine del gruppo A e B che aiutano a mantenere le ossa in salute; è vero che sono abbastanza calorici, ma sono anche molto ricchi in proteine vegetali ecco perchè sono consigliati come fonte di energia fisica.

Una piccola curiosità storica,  Marcus Tullius Cicero, conosciuto ai più come Cicerone, deve il suo sopranome al fatto che uno dei suoi antenati aveva una piccola escrescenza sul naso simile ad un cece (in latino cicer) ed ecco poi il perchè del suo popolare sopranome.


VELLUTATA DI ZUCCA E CECI con rosmarino

Ingredienti:

  • 500 gr di polpa di zucca
  • 250 gr di ceci già lessati
  • 1 cipolla dorata
  • 1/2 litro circa di brodo vegetale
  • rosmarino fresco – sale – olio EVO

In una pentola a bordi fate appassire in olio EVO la cipolla tritata finemente, versate i ceci lessi fate rosolare brevemente e profumate il tutto aggiungendo del rosmarino tritato.

Togliete qualche cucchiaiata di ceci e mettetela da parte (la aggiungerete al termine della preparazione).

Nella pentola dove avete i ceci aggiungete la zucca che avrete precedentemente tagliato a cubetti, fatela insaporire e poi bagnate il tutto con il brodo vegetale, coprite con un coperchio e fate cuocere finchè la zucca non sarà morbida. A questo punto riducete il tutto in purea con un mixer ad immersione o passando al passa verdure, rimettete la pentola sul fuoco e aggiustate di sale; da ultimi unite i ceci interi che avevate tenuto da parte.

Servite la vellutata ben calda con in filo di olio evo a crudo su ogni porzione.

Se come me amate la zucca vi consiglio di provare anche le mie altre proposte:

GNOCCHI DI PATATE CON ZUCCA E SALSICCIA

QUICHE CON ZUCCA E GORGONZOLA (gluten free)

POLPETTE DI MAIALE SU CREMA DI ZUCCA

LASAGNE CON ZUCCA E SALSICCIA

PANE ALLA ZUCCA

GNOCCHI DI ZUCCA CON FUNGHI PORCINI

RISOTTO ALLA ZUCCA

SPIANATINE CON FORMAGGIO E CREMA DI ZUCCA

VELLUTATA DI ZUCCA CON AMARETTI E SEMI DI PAPAVERO

PASTA CON ZUCCA E FUNGHI PORCINI

SFORMATO DI ZUCCA CON PANCETTA E ROSMARINO

GNOCCHI DI ZUCCA

VELLUTATA DI ZUCCA

 

CROSTATA CON CREMA FRANGIPANE E AMARENE SCIROPPATE

Crostata con crema frangipane alle mandorle e amarene sciroppate, un dolce dove il gusto leggermente acido delle amarene si sposa alla perfezione con la dolcezza della crema frangipane, che con la sua delicatezza avvolge i rossi frutti, il tutto trattenuto in uno scrigno di pasta frolla molto delicata e profumatissima.

Sono sempre alla ricerca di nuovi abbinamenti e di ricette di base diverse da quelle che uso di solito , proprio per la curiosità di provare la differenza di gusto e di risultato variando le proporzioni degli ingredienti di base e dei vari abbinamenti più o meno azzardati. Questa volta mi sono fatta prendere dalla pasta frolla ripiena di crema frangipane; la crema frangipane è una crema molto profumata a base di farina di mandorle che nella pasticceria classica si usa per farcire crostate e torte oppure come ripieno per dolcetti e brioche. Se si vuole consumare al cucchiaio o impiegarla per farcire dei dolcetti già cotti bisogna prepararla e poi cuocerla sul fornello fino a che diventi densa, se invece si vuole farcire un dolce si usa la crema così com’è appena impastata, si versa all’interno del dolce e poi la si mette in forno dove verrà cotta con l’impasto. La ricetta della frangipane che vi propongo in questa crostata è del maestro Montersino, ma esistono molte varianti da provare e da valutare come per esempio la crema frangipane alle nocciole dove si sostituisce la farina di mandorle con quella di nocciole appunto.

Per quanto riguarda la pasta frolla invece ho cercato di trovarne una con una buona proporzione tra farina,  burro e zucchero in modo da ottenere una crostata fine e friabile ma non croccante, insomma il risultato doveva essere un dolce delicato, profumato di burro e vaniglia con un cuore morbido dove a sorpresa spuntasse anche il gusto asprigno delle amarene e alla fine è quello che ho ottenuto

La ricetta della pasta frolla l’ho rubacchiata alla mia amica Rosalba che ringrazio pubblicamente e alla quale faccio i miei più sinceri complimenti, l’unica mia variazione è stata quella di sostituire lo zucchero semolato con dello zucchero a velo.

E perciò, ecco a voi la crostata con crema frangipane e amarene sciroppate…

CROSTATA CON CREMA FRANGIPANE E AMARENE SCIROPPATE

Ingredienti:

per la pasta frolla:

  • 400 gr di farina 00
  • 200 gr di zucchero a velo
  • 200 gr di burro (non troppo freddo)
  • 2 uova t. a.
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  •  vaniglia – sale

per la crema frangipane:

  • 125 gr di burro t.a.
  • 125 gr di zucchero a velo
  • 125 gr di farina di mandorle
  • 50 gr di farina 00
  • 2 uova
  • vaniglia

200 gr di amarene sciroppate sgocciolate dallo sciroppo da distribuire sul fondo

Disponete la farina a fontana sul piano di lavoro, formate un’incavo centrale e versateci il burro freddo ma non da frigo  tagliato a piccoli pezzetti e iniziate ad impastarlo con la farina sbriciolando il tutto; poi formate di nuovo una fontana con un’incavo al centro e aggiungete lo zucchero, le uova leggermente sbattute, la vaniglia, un pizzichino di sale fino  e la scorza grattugiata del limone, impastate tutto il più brevemente possibile e appena avrete ottenuto un bel panetto di pasta compatta e soda  appiattitela, avvolgetela con della pellicola e mettetela in frigo a riposare per almeno un ora.

Nel frattempo preparate  la crema frangipane alle mandorle sbattendo a crema il burro a temperatura ambiente (t.a.) con lo zucchero a velo, unite la farina di mandorle, la farina 00, la vaniglia, le uova leggermente sbattute e mescolate energicamente fino ad ottenere un composto bello cremoso.

Ora mettete a sgocciolare le amarene sciroppate in un colino in modo che scolino per bene.

Trascorso il tempo riprendete la pasta frolla dal frigorifero, con l’aiuto del mattarello tiratela uniformemente dello spessore di circa 1 cm, poi arrotolatela sul mattarello e adagiatela sullo stampo da crostate e rivestitelo con la pasta avendo cura di farla aderire bene al fondo e ai bordi, rifinite il bordo in alto eliminando la pasta in eccedenza con l’aiuto di un coltello, mettetela da parte e poi punzecchiate con una forchetta il fondo in modo che non si gonfi durante la cottura.

Adesso prendete le amarene sgocciolate e distribuitele sul fondo cercando di metterne diverse lungo il bordo della crostata , poi ricopritele con la crema frangipane in modo omogeneo (io ho usato una sac a poche) e per ultima cosa ricoprite il tutto con delle formine ritagliate dalla pasta frolla che avevate messo da parte dopo aver foderato lo stampo. Io ho ritagliato con un cutter da biscotti dei fiorellini ma in alternativa potete ricoprire anche con delle striscioline.

Passate tutto in forno già caldo a 200°e lasciate cuocere per 10 minuti, poi abbassate a 180° e lasciate cuocere per altri 15 – 20 minuti; la crostata deve colorarsi un pochino e asciugarsi. A fine cottura lasciatela raffreddare e poi toglietela dallo stampo e spolveratela con dello zucchero a velo.

TORTA 7 VASETTI o torta allo yogurt

torta dei 7 vasetti 1La torta 7 vasetti o allo yogurt, è chiamata così perchè si usa il vasetto vuoto dello yogurt per dosare tutti gli ingredienti che servono per prepararla. Di una sofficità incredibile, buona in ogni occasione e perfetta come base da farcire o glassare.

Non so più neanche io da quanti anni ho la ricetta trascritta nel mio librone dei dolci e non ricordo neppure da chi l’ho avuta,  fatto sta che ogni volta che decido di rifarla è sempre un successo. E’ una di quelle torte da credenza che ogni appassionata di pasticceria casalinga ha provato a fare almeno una volta e questa versione secondo me, è la migliore che io abbia provato.

Come spesso faccio, l’ultima volta che l’ho preparata l’ho poi portata ai miei colleghi di lavoro, e siccome ho iniziato il mio turno alle 10 del mattino tutti hanno gradito molto 😉 una fettina di questa torta 7 vasetti e un buon caffè appena fatto e la giornata prende tutta un’altra piega.

torta dei 7 vasetti 2

 TORTA 7 VASETTI o torta allo yogurt

Ingredienti:

  • 1 vasetti di yogurt intero bianco
  • 3 vasetti di farina 00
  • 2 vasetti scarsi di zucchero
  • 1 vasetto scarso di olio (di semi o di riso)
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • la scorza grattugiata di 1 limone

In una ciotola sbattete bene le uova con lo zucchero fino a farle diventare spumose, aggiungete lo yogurt, amalgamate, unite anche l’olio e profumate con la scorza di limone.

Setacciate la farina con il lievito  e aggiungetela gradatamente all’impasto; versate tutto in uno stampo per dolci di 20 cm di diametro, passare in forno caldo a 180° e lasciate cuocere per circa 45 minuti.

Sformate la torta dallo stampo e lasciatela raffreddare sopra ad una gratella; servitela spolverata con zucchero a velo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...